sabato 12 ottobre 2013

NopHead says

Una delle "regine" del mondo REPRAP è la Mendel 90, sviluppata interamente da   .

Una stampante che mi ha sempre ispirato grandi innovazioni, e forse gia oltre 1 anno fa quando è stata presentata, era molto innovativa .
Reputo  un grande sviluppatore e tester, nell'ultimi aggiornamenti pubblicati nel suo blog, ha forse risolto un problema che mi affliggeva da tempo.

  dice che l'unico modo per avere un flusso continuo dall'estrusore è mantenere la velocità dell'infill e quella dei perimetri uguale, altrimenti come dice nell'articolo, si crea aumentando o diminuendo la velocità un aumento o diminuzione della melt zone, che implica a volte addirittura un diverso tipo di colore (nei casi piu estremi) oppure un riempimento/perimetri meno precisi, dovuti proprio al fatto delle 2 diverse velocità utilizzate per infill e perimeters.

  un altro consiglio sicuramente da recepire e testare, è il fatto di isolare bene la parte finale dell'hotend... perche il calore verso la parte alta viene trasmesso non per contatto ma solo perche il calore sale dal nozzle verso l'alto.. inoltre dice che sembra piu importante un raffreddamento del pla (e non della superficie su cui si stampa) a temperature piu basse (180 gradi) che non a temperature piu alte di stampa (220 gradi) 

quindi....
il consiglio della stampa di oggi è ...
- infill e perimetri di uguale velocità, e a questo punto direi anche della stessa accelerazione...
- isolate bene la parte finale dell'hot end

Nessun commento:

Posta un commento