mercoledì 16 ottobre 2013

pid autotune M303

PID autotune...

Un altro tipo di calibrazione che è sempre bene effettuare, è quella della nostra resistenza installata nell'hotend.

Io ne faccio spesso uso di questa calibrazione in quanto uso per comodità le cartrige da 40w anziche i normali 5.6 ohm forniti con estrusori j-head.

ecco come fare:
(vi segnalo l'ottima un guida dettagliata  di numbersix da cui ho preso le immagini per comodità e che semplicemente vi riassumo in pochi passaggi, ma lui spiega veramente tante cose, è sicuramente da leggere per capire anche la differenza tra avere una resistenza calibrata e non averla calibrata oppure avere una cartrige oppure avere il 5.6 ohm )


per comodità si utilizza Repetier host :
1- si da il comando manuale M303 S220  (il test va effettuato a hotend completamente freddo)
che effettua la calibrazione automatica a una temperatura di 220 gradi.
il grafico della temperatura dovrebbe risultare simile a questo

come si vede nel grafico viene raggiunta la temperatura di 220 e poi vengono applicati dei cicli tagliati per effettuare la calibrazione.

2- nella parte inferiore del grafico c'è il risultato della calibrazione..
    ovvero : kp:27.95
                 Ki:4.22
                 Kd:46.25
Questi dati vanno inseriti nel firmware in configuration.h al posto di quelli esistenti.
un altra impostazione "di sicurezza" è quella di inserire #define PID_FUNCTIONAL_RANGE 10 nel firmware, questa impostazione taglia di 10 gradi la temperatura impostata per arrivare con piu calma alla temperatura definita, come si puo vedere dal grafico sotto...


3- una volta effettuato le modifiche nel firmware, si va a eseguire di nuovo il test, per vedere l'effetto della nostra calibrazione sul grafico.


come si vede dal grafico, la temperatura aumenta velocemente fino a -10 gradi rispetto alla temperatura impostata, e poi arriva alla temp di 220, e li ci rimane bello stabile....


ovviamente tutto cio' ha ripercussioni positive sulla stampa... quindi... buona calibrazione...




2 commenti:

  1. ciao,
    ottima guida come sempre, aggiungo che, se qualcuno ha più estrusori, con sistemi diversi di riscaldamento (cartuccia, filo nichel cromo , resistenza, etc), senza ricompilare ogni volta il firmvare, puo inserire all'inizio del gcode il comando
    M301 Pxx.xx Ix.xx Dxxx.xx
    opportunamente tarato, in funzione di quello che andrà ad utilizzare.
    Enrico

    RispondiElimina
  2. ciao
    ma scusa una domanda, io ho fatto l'autotune(hotend Iec) per il pla (200°) e l'abs(235°) la temperatura rimane abbastanza stabile ma quando stampo il nylon di 3ntr a 260° la temperatura sfarfalla in modo incredibile, cosa dovrei fare l'autotune per ogni temperatura che utilizzo e poi impostarla prima della stampa?

    RispondiElimina